Contact tracing, l’inusuale collaborazione tra Google e Apple

16 Apr 2020

Lo scorso venerdì Google e App hanno rilasciato un annuncio senza precedenti: hanno infatti avviato una collaborazione inerente la realizzazione di un sistema di contact tracing, utilizzabile quindi sia sui dispositivi Android che iOS, per contribuire alle misure di riduzione del contagio da coronavirus.
I due colossi tecnologici, da anni in diretta concorrenza nel settore della telefonia mobile, uniscono così le forze in un progetto molto ambizioso che riguarderebbe circa tre miliardi di smartphone.
All’annuncio sono seguite alcune informazioni preliminari. Il sistema sarà sviluppato in un mese (circa) e condiviso con le autorità sanitarie che manifesteranno interesse a partecipare.

Cos’è il contact tracing

Quella del tracciamento dei contatti è una pratica utile, nel corso dell’emergenza sanitaria in atto, per identificare in maniera rapida le persone potenzialmente infettate da un contagiato.
Solitamente chi si ammala o risulta positivo al coronavirus viene infatti intervistato dal personale sanitario per ricostruire quali persone siano state esposte al rischio del contagio. Si tratta di uno step molto utile, che richiede un notevole dispendio di tempo e personale, che in questo momento scarseggia.
È così che la tecnologia viene in aiuto, offrendo soluzioni che rendono diffuso e condiviso proprio il contact tracing. Tra i primi paesi a sperimentare questa soluzione troviamo la Corea del Nord, che ha messo a punto applicazioni capaci di geolocalizzare le persone e avvisarle nel caso in cui vengano a contatto con individui risultati poi positivi al coronavirus.
Il tracciamento tuttavia non ha sempre portato a risultati convincenti: in pochissimo tempo sono state sviluppate numerose applicazioni che promettono risultati simili, ma in modi diversi e soprattutto senza un coordinamento per la condivisione dei dati. La tutela della privacy preoccupa infatti moltissimi utenti e Paesi.
Il sistema messo a punto da Google e Apple dovrebbe invece essere in grado di superare questi ostacoli.

Il sistema di Apple e Google

Google e Apple stanno lavorando a un sistema capace di registrare periodicamente, su ogni smartphone, la presenza di eventuali cellulari nelle vicinanze. Attraverso il sistema operativo, sia esso Android o iOS, ogni smartphone emette un codice identificativo univoco detto ID che viene captato dai telefoni nei paraggi e annotato in un registro interno, insieme al riferimento temporale – data e ora – della ricezione. Occorre precisare subito che, per precauzioni di sicurezza, gli ID cambiano di frequente e non vi è trasmissione di altri dati da parte dell’ID del telefono.
Quando il proprietario di un device scopre di essere positivo al coronavirus, può inviare il proprio ID a un database gestito dalle istituzioni sanitarie: a quello stesso registro si collegano da soli anche gli altri smartphone che utilizzano il sistema e confrontano gli ID memorizzati con quelli segnalati. In caso di corrispondenza, avvisano il proprietario di essere stato potenzialmente esposto al contagio attraverso una notifica.
Gli ID sono trasmessi tramite Bluetooth Low Energy, lo stesso standard utilizzato da cuffie senza fili oppure tracker per l’attività fisica. BLE può mantenere la connessione tra dispositivi fino a circa 100 metri di distanza, ma dipende dai singoli dispositivi e dall’eventuale presenza di ostacoli. I progettisti stanno perciò valutando quale sia il raggio di distanza ideale da coprire con il nuovo sistema, così da raggruppare gli ID delle persone che si siano trovate a una distanza tale da costituite un reale rischio di contagio.

Privacy e sicurezza

Il sistema cui stanno lavorando Apple e Google prevede che gli ID siano anonimi e che non ci sia quindi la possibilità di risalire all’identità dei loro proprietari. In assenza di tracciamento geografico si dovrebbe escludere il rischio che utenti malintenzionati possano risalire agli spostamenti di qualcuno e i dati sugli smartphone incrociati rimarranno sempre sul proprio cellulare, che provvederà a collegarsi al database per scaricare l’elenco degli ID positivi senza caricare dati sullo stesso.
L’UE ha posto, a tal proposito, condizioni di uso su tutte le app e i sistemi di tracciamento: pur riconoscendo l’utilità e l’efficacia di queste innovazioni, ritiene fondamentale che l’utilizzo avvenga su base volontaria, che la raccolta dei dati sia anonima e aggregata, basata sul consenso e nel rispetto delle norme sulla privacy e sulla protezione dei dati. Il Comitato europeo per la privacy (Edpb) ha infatti richiesto la maggiore attenzione possibile per ridurre al minimo le interferenze con la vita privata degli utenti e un approccio paneuropeo coordinato. Questo si traduce, inoltre, in uno stretto controllo sulla trasparenza dei sistemi e nella disattivazione degli stessi al termine della crisi sanitaria.

Quando e come

Il nuovo sistema dovrebbe vedere la luce entro metà maggio, per poi essere impiegato nella realizzazione e sperimentazione delle prime app. Google ha precisato che l’aggiornamento sarà disponibile tramite Google Play, così da accelerarne la diffusione. Apple invece lo renderà disponibile attraverso un aggiornamento di iOS.
Entrambe le società hanno precisato che il sistema degli ID potrà essere disattivato dalle impostazioni degli smartphone, quindi ciascun utente potrà decidere liberamente se partecipare o meno al tracciamento sociale.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Social media, le ultime novità

Social media, le ultime novità

L’isolamento preventivo continua, in Italia e non solo, e i social network non perdono l’occasione di supportare gli utenti introducendo nuove funzioni. Partiamo con ordine. Facebook Il colosso di Mark Zuckerberg ha registrato un incremento del 50% nell’attività di...

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa cerca il consumatore del 2020? Dopo avere ottenuto le informazioni necessarie, cosa spinge un potenziale acquirente a scegliere un prodotto (o un negozio) piuttosto che un altro? I clienti sono oggi esigenti, curiosi ma soprattutto impazienti: la loro scelta...

Gen Z, tra news e social network

Gen Z, tra news e social network

Si sente spesso parlare di Generazione Z, soprattutto in questi giorni frenetici in cui si chiude il primo ventennio del nuovo millennio. Ma chi sono davvero i ragazzi di questa Generazione Z? Nati tra il 1995 e il 2010, sono i figli della piena era tecnologica, hanno...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This