Il nuovo algoritmo di Amazon che influenza gli acquisti

18 Set 2019

algorismo-amazon

Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, Amazon avrebbe modificato gli algoritmi alla base del suo sistema di ricerca dei prodotti in modo da favorire quelli che recano margini di profitto più elevati. Il meccanismo sarebbe stato alterato alla fine del 2018 e da circa nove mesi starebbe quindi influenzando le scelte dei clienti, spingendoli ad acquistare gli articoli più redditizi per l’azienda a discapito di quelli più venduti e più rilevanti.

Questa mossa porterebbe inoltre a favorire i prodotti a marchio privato, il c.d. private label di Amazon.

Non è ancora stato chiarito se le modifiche abbiano realmente incrementato le vendite di questi prodotti, tuttavia la notizia – se confermata dalle indagini – avrebbe sicuramente un’eco negativa.
Amazon ha smentito tutte le accuse attraverso una dichiarazione via mail rilasciata proprio al Wall Street Journal: la portavoce dell’azienda Angie Newman ha infatti riferito che “il portale non ha mai modificato i criteri che utilizza per classificare i risultati di ricerca a favore della redditività”.
Le fonti del WSJ replicano confutando le affermazioni dell’azienda, aggiungendo alcuni dettagli: spiegano infatti che la modifica dell’algoritmo sarebbe stata dibattuta a lungo internamente.

Da una parte (a Seattle) i dirigenti della divisione commerciale affermavano che Amazon dovesse indicizzare diversamente i prodotti a marchio, mentre dall’altra parte (Silicon Valley) gli ingegneri affermavano che mostrare per primi alcuni prodotti non fosse nell’interesse dei clienti. Dalla loro, questi ultimi avrebbero avuto anche gli avvocati del gruppo, inclini a respingere la modifica per non attirare ulteriori controlli da parte dei regolatori Antitrust.

Per Amazon non è un momento sereno da questo punto di vista, per via dei controlli incrociati da parti di Europa e Stati Uniti. L’ultimo ha preso il via proprio lo scorso luglio quando Margrethe Vestager, Commissaria Antitrust UE, ha aperto una nuova inchiesta per valutare se l’utilizzo da parte di Amazon dei dati raccolti dai venditori indipendenti sulla piattaforma sia conforme alle norme europee sulla concorrenza.

Non ci resta che attendere gli sviluppi di una faccenda che getta nuove ombre sul colosso e-commerce.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa cerca il consumatore del 2020? Dopo avere ottenuto le informazioni necessarie, cosa spinge un potenziale acquirente a scegliere un prodotto (o un negozio) piuttosto che un altro? I clienti sono oggi esigenti, curiosi ma soprattutto impazienti: la loro scelta...

Gen Z, tra news e social network

Gen Z, tra news e social network

Si sente spesso parlare di Generazione Z, soprattutto in questi giorni frenetici in cui si chiude il primo ventennio del nuovo millennio. Ma chi sono davvero i ragazzi di questa Generazione Z? Nati tra il 1995 e il 2010, sono i figli della piena era tecnologica, hanno...

Gmail, la nuova funzione

Gmail, la nuova funzione

Una nuova funzionalità di Gmail consentirà di allegare le mail ai messaggi di posta elettronica grazie al drag and drop. Google ha creato, testato e implementato una funzione che semplificherà la vita a tutti gli utenti: sarà infatti possibile allegare un’e-mail a una...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This