Lavorare solo 4 giorni a settimana funziona, parola di Microsoft

6 Nov 2019

microsoft
microsoft

Lavorare quattro giorni a settimana funziona e aumenta i tassi di produttività. L’esperimento targato Microsoft si è svolto nella sede di Tokyo del colosso informatico attraverso l’iniziativa “Work Life Choice Challenge” e ha coinvolto circa 2.300 dipendenti.
Si tratta di una vera e propria ricerca di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, promossa attraverso il weekend lungo: uffici chiusi da venerdì a domenica per un mese (lo scorso agosto, Ndr) per valutare pro e contro di questa scelta.

I risultati

Secondo quanto riportato da Microsoft, durante il periodo del test la produttività – misurata in termini di vendite per dipendente – è aumentata del 39,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo significativo incremento è dovuto allo snellimento generale dei tempi dedicati alle varie fasi del processo lavorativo: per esempio, sono state limitate le riunioni aziendali ed è stato fissato un tempo massimo di durata pari a 30 minuti.
Sono inoltre diminuiti i consumi di carta per fax e stampe (-58,1%) e quelli di energia elettrica (-23,1%), mentre le assenze sono diminuite del 25%.
I feedback dei dipendenti sono stati fortemente positivi: il 92,1% ha dichiarato di apprezzare la settimana lavorativa corta.

I prossimi esperimenti

I dipendenti sono tornati all’orario consueto che va dal lunedì al venerdì ma, alla luce dei risultati del test, Microsoft effettuerà un nuovo periodo di prova durante il periodo invernale. L’azienda ha inoltre fatto sapere di aver avviato un programma di finanziamento delle vacanze di famiglia per ogni dipendente. Per Takuya Hirano, CEO di Microsoft Japan, “chi lavora per un breve periodo, riposa bene e impara molto”. Sul sito della compagnia, ha poi precisato: “Voglio che i dipendenti pensino e sperimentino come sia possibile ottenere gli stessi risultati con il 20% di tempo lavorativo in meno”.
La decisione non stupisce: il Giappone è uno dei Paesi più sensibili alla tematica del super lavoro.
Secondo alcuni report del governo nipponico, sono molte le aziende in cui le ore di straordinario raggiungono numeri altissimi, causando una vera e propria emergenza nazionale. I casi di “kuroshi”, espressione giapponese che indica la morte per troppo lavoro, sono frequenti al punto che le aziende in casi specifici prevedono degli indennizzi alla famiglia della vittima.

Se ridurre le ore coincide con un aumento della produttività e incide positivamente sulla vita e sulla salute dei lavoratori, vale la pena prendere esempio e imboccare questa nuova strada.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Marketing, i trend del 2020

Marketing, i trend del 2020

Nel 2020, il content marketing e la SEO sono destinate a cambiamenti straordinari. Il futuro che ci aspetta è fatto di contenuti utili e tecnicamente sorprendenti in linea con le abitudini degli utenti, le preferenze e le esigenze di ricerca. I contenuti stanno...

Come cambiano le ricerche su Google

Come cambiano le ricerche su Google

Analizzando più di 40 milioni di ricerche online, SparkToro – società di marketing e SEO – ha fatto una scoperta: la metà delle ricerche effettuate su Google termina sulla pagina dei risultati del motore di ricerca, senza cioè nessun clic sui siti elencati. Il dato...

Podcast e audiolibri, quando la lettura si fa ascolto

Podcast e audiolibri, quando la lettura si fa ascolto

Sono già più di tre milioni gli italiani che hanno scelto una nuova versione del download e dello streaming: il podcast. Si tratta di contenuti di vario genere e di varia durata (da pochi minuti ad alcune ore) disponibili su piattaforme coma iTunes, iBooks, Spotify e...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This