Ricorre oggi il world emoji day

17 Lug 2019

Ci sono emoji per ogni gusto e per ogni esigenza e a cadenza regolare ne vengono rilasciate di nuove, a testimonianza del consolidamento del loro utilizzo e della loro inclusività. Secondo una recente indagine le emoji più utilizzate sono legate a emozioni positive.

Ci sono emoji per ogni gusto e per ogni esigenza e a cadenza regolare ne vengono rilasciate di nuove, a testimonianza del consolidamento del loro utilizzo e della loro inclusività, ma al primo posto troviamo la faccina che piange di gioia (usata dal 53% del campione italiano), seguita dallo smile che sorride (18%) e dalla faccina con gli occhi a forma di cuore (16%).
E se il 100% del campione usa abitualmente le emoji per rendere i messaggi più veloci e sintetici, il 42% degli intervistati ritiene che sia meglio non utilizzarle nelle comunicazioni formali e il 25% dichiara che sarebbe meglio evitarne l’utilizzo in ambito lavorativo (sia tra colleghi che con il proprio responsabile).

Il termine emoji deriva dal giapponese e significa pittogramma, cioè un disegno o un simbolo in uno o più colori immediatamente riconoscibile. La prima faccina risale al 1998 e fu creata da Shigetaka Kurita, che all’epoca lavorava sui dispositivi mobili della società di telecomunicazioni NTT DoCoMo. Il primo set conteneva circa 172 simboli pittografici, da 12 pixel per lato, ed era ispirato al mondo dei manga.
La loro diffusione nel resto del mondo si deve all’inserimento nel sistema di codifica Unicode. A oggi ne sono disponibili a migliaia, sia sui dispositivi Android che iOS, e vengono utilizzate in modo continuativo dall’83% degli utenti.

A oggi si contano ben oltre 1800 immagini, tra oggetti, animali, bevande e trend. La diffusione è stata tale da portare l’Oxford Dictionary a eleggere la faccina che ride come parola dell’anno già nel 2015. E alcuni linguisti vedono nella sua diffusione una minaccia per la lingua scritta, siamo sicuri che l’ascesa di queste piccole immagini non si arresterà e continueranno a lungo ad arricchire le nostre conversazioni.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa cerca il consumatore del 2020? Dopo avere ottenuto le informazioni necessarie, cosa spinge un potenziale acquirente a scegliere un prodotto (o un negozio) piuttosto che un altro? I clienti sono oggi esigenti, curiosi ma soprattutto impazienti: la loro scelta...

Gen Z, tra news e social network

Gen Z, tra news e social network

Si sente spesso parlare di Generazione Z, soprattutto in questi giorni frenetici in cui si chiude il primo ventennio del nuovo millennio. Ma chi sono davvero i ragazzi di questa Generazione Z? Nati tra il 1995 e il 2010, sono i figli della piena era tecnologica, hanno...

Gmail, la nuova funzione

Gmail, la nuova funzione

Una nuova funzionalità di Gmail consentirà di allegare le mail ai messaggi di posta elettronica grazie al drag and drop. Google ha creato, testato e implementato una funzione che semplificherà la vita a tutti gli utenti: sarà infatti possibile allegare un’e-mail a una...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This