Simon Wecker e l’inganno a Google Maps

6 Feb 2020

Fare arte significa anche immergersi nel proprio tempo e saper imparare a sfruttare qualunque mezzo l’artista abbia a sua disposizione, sia esso un pennello, un taccuino, oppure uno smartphone.
Ed è proprio quello che ha fatto Simon Weckert, artista tedesco che ha hackerato Google Maps grazie a ben 99 smartphone usati per simulare un ingorgo stradale.
Se trascinati in un carrellino per le strade in realtà deserte, i telefonini lanciano un segnale GPS che fa credere all’app che su quel tratto di strada vi siano 99 autoveicoli. La mappa, di conseguenza, colora la strada di rosso e segnala agli utenti una situazione di traffico intenso.
Così facendo”, racconta Weckert, “si riesce a trasformare una strada da verde a rossa, e questo ha un impatto sul mondo fisico perché spinge gli automobilisti a scegliere altri tragitti per evitare di rimanere bloccati nel traffico”.

Com’è nata l’idea?

Durante una manifestazione, lo scorso maggio, l’artista si accorse che la presenza di molte persone con un telefono in tasca veniva interpretata da Google Maps come un ingorgo di auto.
La risposta di Mountain View, ovviamente, non si è fatta attendere ed è stata più positiva di quanto l’artista stesso avrebbe mai potuto immaginare: nonostante il progetto smascheri i limiti dell’algoritmo, l’azienda ha dichiarato “che sia con una macchina, con un carrello o con un cammello, ci piace sempre vedere questi usi creativi di Google Maps perché ci aiutano a migliorarlo nel tempo”.

Chi è Simon Weckert?

L’artista, di stanza a Berlino, si occupa di temi che vanno dal design generativo al computing fisico. La sua attività è focalizzata sul mondo digitale, dai codici sino agli aspetti sociali della tecnologia. Weckert valuta infatti la tecnologia in base alle prospettive delle future generazioni e propone opere in grado di sensibilizzare l’opinione pubblica.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Lavoro agile, facciamo chiarezza

Lavoro agile, facciamo chiarezza

Si parla spesso, soprattutto nelle ultime settimane di emergenza sanitaria, di smart working tra aziende e Pubblica Amministrazione. Il modello porta notevoli vantaggi ormai noti a tutti in termini di produttività, welfare e qualità di vita del lavoratore, ma non...

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #2

Cosa cerca il consumatore del 2020? Dopo avere ottenuto le informazioni necessarie, cosa spinge un potenziale acquirente a scegliere un prodotto (o un negozio) piuttosto che un altro? I clienti sono oggi esigenti, curiosi ma soprattutto impazienti: la loro scelta...

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #1

Cosa vogliono i consumatori del 2020 #1

La tecnologia, i social network e le community stanno trasformando radicalmente la nostra vita, la società, e anche i consumatori. Ciò in cui credevamo – abitudini, preferenze, caratteristiche – è cambiato profondamente: il consumatore oggi è più consapevole, si...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This