Wecroak, l’app della ricerca della felicità attraverso la contemplazione della mortalità

5 Nov 2018

wecroack

In Buthan, regno buddista sorto tra Cina e India, il calcolo della diffusione del benessere avviene non più attraverso il calcolo del PIL bensì con lo studio della Felicità Interna Lorda. Proprio così: vengono conteggiati i risultati di ben 33 indicatori e circa 124 variabili che incidono sulla vita di tutti i giorni che, aggregati, riportano a un dato unico. Gli abitanti del Buthan, ormai al vertice delle classifiche dei Paesi più felici al mondo, hanno così scoperto il segreto della felicità, cancellando ansie e preoccupazioni.
Qual è?
“Per essere felici, bisogna contemplare la morte per cinque volte al giorno”. Questo mantra, ripetuto ogni giorno, aiuta a raggiungere una maggiore consapevolezza della morte stessa e della caducità della vita.

WeCroak nasce proprio da questo proverbio: si tratta di un’app, disponibile per iOS e Android, che per cinque volte al giorno rilascia notifiche contenenti aforismi sulla vita, sulla morte, sulla riflessione consapevole. L’intento dei produttori di Wecroak, è proprio quello di “incoraggiare la contemplazione, la respirazione consapevole e la meditazione. Oltre a essere un modo per affrontare la paura del decesso”.
L’app che terrorizza non fa altro che preparare l’utente ad affrontare al meglio le difficoltà della vita di tutti i giorni.

Secondo uno studio effettuato dal Centre for Human Technlogy, su un campione di 200.000 utenti iPhone, si trascorrono in media 10 e 20 minuti su app come Calm e Insight Timer. Secondo Ian Thomas, fondatore di Wecroak, sono “circa 36 i secondi passati sull’app, perché non c’è nulla da fare, toccare o interagire”.
Basterà quindi scaricare l’applicazione per ricevere frasi citazioni spirituali tratte dalle opere di poeti Beat oppure dai testi sacri buddisti, citazioni da Marco Aurelio o Marlene Dietrich.
Memento mori 2.0, insomma, che continua a raccogliere pareri entusiastici. Come quello di Bianca Bosker che, dall’Atlantic, ne parla come un’app di cui apprezzare via via la compagnia. Oppure un utente iTunes che l’ha definita “la cosa migliore mai installata su iPhone”.
Niente più fear of missing out – cioè “paura di perdersi qualcosa” – e per di più alla modica cifra di 99 centesimi. La felicità non è mai stata così semplice da afferrare.

Potrebbe interessarti anche questi articoli:

Big G e le lauree brevi, anzi, brevissime

Big G e le lauree brevi, anzi, brevissime

E se le lauree non fossero più solo brevi, ma anche brevissime? È questa la sfida che ha voluto cogliere Google lanciando la sua università online, con lo stesso valore dei percorsi accademici tradizionali. Grazie a corsi basati su Google Career Certificates, gli...

Povertà educativa, formazione e DAD

Povertà educativa, formazione e DAD

La didattica a distanza ha messo nuovamente al centro del dibattito la diffusione di pc o tablet e della banda larga tra i ragazzi e nelle scuole. Sono sì aspetti da potenziare in quanto veicoli di inclusione, ma i dati sulla loro diffusione possono davvero...

I fatti, questi sconosciuti

I fatti, questi sconosciuti

Che rapporto abbiamo con i fatti? Nel bel Paese, la tendenza registrata negli ultimi anni – soprattutto con l’avvento di Internet – è quella di piegare l’informazione alle proprie convenienze, piuttosto che affrontare la realtà.La pratica adottata per svelare il lato...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Amiamo la discrezione e la libertà. Per questo motivo ti assicuriamo che ti invieremo il più educato numero di mail possibile!

Benvenuto nella nostra mailing list!

Pin It on Pinterest

Share This